Ciao a tutti, qui è tutto pronto all’insegna di una nuova avventura nelle città spagnola di Valencia. Voi ci siete? Qualora non lo foste vi diamo un altro poco di tempo e intanto noi cominciamo a presentarvi la città in cui spenderemo la nostra (simbolica) giornata.

Valencia è situata sulla costa orientale della Spagna presso la foce del fime Turia. E’ considerata una grande città per numero di abitanti ed è comunemente denominata dai valenciani “Cap i Casal” (capitale). Il turismo, l’agricoltura, il vino sono i punti forza di Valencia ma non solo, anche la cultura occupa un posto importante. In particolare Valencia è famosa per la sue Università, una fra tante è la Universitat de València. Di interesse turistico internazionale sono le Fallas (dette anche festes de Sant Josep poichè celebrate in onore dell’omonimo santo) ovvero feste tradizionali dichiarate Patrimonio Immateriale dell’Umanità per l’Unesco. Queste si svolgono ogni anno dalla fine di Frebbraio a metà Marzo. Bene, è ora di comiciare ad esplorare sempre più da vicino la città in cui siamo aprrodati.

Per sapere di più (dove mangiare,cosa mangiare, dove divertirsi, dove acculturarsi…) continuate a leggere.

Data la sua ricca storia e tutte le vicissitudine che l’hanno interessanta, Valencia può essere considerata un museo a cielo aperto in cui coesistono insieme moderno e antico.

 

LUOGHI DA VISITARE (MUSEI/TEATRI..)

Palau de les Arts Reina Sofía

  • Catedral de Valencia: è la cattedrale di Valencia, un imponente edificio cattolico in stile gotico. Al suo interno si trova la Cappella del Santo Calice (probabilmente usata da Cristo nell’Ultima Cena) e alcuni preziosi oggetti. Vi sarà possibile salire in cima al campanile El Miguelete e godere della vista panoramica della città.
  • Ciudad de las Artes y las Ciencias: è un complesso composto da cinque diverse strutture suddivise in base a tre temi: arte, scienza e natura. La grande struttura è tutta basata su un gioco di colori che pur essendo neutri creano armonia con il paesaggio circostante. Al complesso appartengono i seguenti edifici: Palau de les Arts Reina Sofía, Hemisfèric, Umbracle, Pont de l’Assut de l’Or, Ágora, Museo de las Ciencias Príncipe Felipe, Oceanogràfic.
  • Torres de Serranos: è una delle tante porte che proteggeva la città di Valencia. Il suo nome deriva da due teorie: o che questo era il punto di passaggio verso la strada Los Serranos oppure che in questa via risiedeva una famiglia di Valencia molto importante. La Torres de Serrans e la Torres de Quart sono le uniche porte superstiti dopo l’abbattimento definitivo delle mura.
  • Torres de Quart: come abbiamo appena accennato è un’altra porta di Valencia (sembra proprio l’entrata di un bellissimo castello!) e il suo nome deriva dal posto in cui è situato, Quart de Poblet. Torres de Quart è situata in un punto importante della città, ovvero dove si incontrano due famose strade: la carrer de Quart e la carrer de Guillem de Castro.
  • Museo de bellas artes: è una della pinacoteche più importanti dell’intera Spagna. Esso possiede più di duemila opere (del periodo XIV e XV) ed è situato all’interno del palazzo di San Pio V. L’edificio presenta tre sezioni: una dedicata ai ritrovamenti archeologici, l’altra dedicata alla scultura e l’ultima all’arte contemporanea. Per quanto riguarda l’arte, le opere più famose sono quella di Diego Velázquez e Gonzalo Pérez; tuttavia ci sono molto altri importanti autori.
  • Instituto Valenciano de Arte Moderno: importante museo di arte moderna, il cui obiettivo si basa sulla diffussione dell’arte del ventunesimo secolo. Il museo ospita collezioni permanenti/temporanee, dipinti, sculture e gallerie di arte e fotografie.
  • Museo Nacional de Cerámica: museo dedicato alle collezioni di ceramiche ed è situato nel Palacio del Marqués de Dos Aguas. Il suo aspetto può apparire tetro sia all’interno che all’esterno ma vi assicuriamo che è solo un maestoso esempio di arte antica (per la serie non giudicare un libro da una copertina!). Già la facciata riesce a far capire il grande lavoro e il valore di questo edificio poichè è raffigurata la Vergine e nella parte inferiore altri due personaggi che simboleggiano due fiumi. L’edificio si divide in tre piani tutti divisi in sezioni: su un piano ci sono le stanze, su di un altro le ceramiche ed infine sale che ospitano capi di abbigliamento, sculture e pitture. E’ possibile anche assistere ad eventi musicali ed artistici.
  • Museu de Prehistòria de València:  è il museo preistorico di Valencia in cui sono contenuti oggetti archeologici che vanno dalla Preistoria all’epoca visigota. Il museo è diviso in sezioni, nel piano più basso si trova il bar e diversi laboratori, negli altri piani tutti resti archeologici che sono ordinati cronologicamente (ad esempio la quinta sala è dedicata al Mesolitico e così via). Del museo fa parte anche la biblioteca annessa.
  • El Centro Arqueológico de l’Almoina: è il museo storico della città, in cui sarà possibile ripercorrere la storia della città dagli albori fino all’epoca medioevale rigorosamente in ordine cronologico. Il museo è stato costruito in corrispondenza dei resti archeologici, il che renderà la visita ancora più interessante.
  • Museo Valenciano de la Ilustración y la Modernidad: è un centro di esposizione temporanea, in cui si dividono mostre temporanee e permanenti. Perlopiù le temporanee sono sono quelle più moderne, viceversa le permanenti mostrano collezioni più antiche e svariate.  Il museo contiene, inoltre, resti della Torre Almohade e una Valencia in miniatura risalente ai tempi antichi. Nello stesso edificio del museo è ospitato la biblioteca contenete diverse documentazioni.
  • El edificio del Almudín: dichiarato monumento nazionale, il portico è un centro espositivo e museale con mostre temporanee con svariati dipinti, il tutto gestito rigorosamente dalla città di Valencia.

I teatri più popolari a Valencia sono: Teatro Olympia, Teatro Talia, Teatro Rialto, Teatre Micalet, Il Palau de les Arts Reina Sofía, teatro dell’opera che insieme al teatro Palau de les Arts Reina Sofía fa parte del complesso architettonico Ciutat de les arts i les ciències (che abbiamo citato proprio all’inizio della sezione).

Museo Nacional de Cerámica

 

DIVERTIMENTO (PUB/DISCO/PARCHI…)

Plaça de l’Ajuntamen

E si continua alla scoperta di cose da fare e da vedere a Valencia, forza!

  • Oceanogràfic: abbiamo già citato la struttura quando abbiamo parlato della Ciudad de las Artes y las Ciencias ma ora l’approfondiremo meglio. Si tratta del più grande parco marino d’Europa contenente più di mila specie di animali tra cui: trichechi, pinguini, foche, fenicotteri. La zone più belle sono sicuramente la galleria sottomarina, il ristorante panoramico (vi sembrerà di magiare sul fondo dell’oceano!), il delfinario ed infine la sala cinema. C’è il rischio di passare ore ed ore nella struttura tanto che c’è da fare e da vedere ma vi assciuriamo che ogni minuto speso nella struttura è ben speso!
  • Bioparc: è un giardino zoologico che ospita diverse specie di animali provenienti dal continente africano e diversi corsi d’acqua. Le cose belle di questo zoo sono che gli animali vivono liberamente nell’habitat ricreato identico a quello a cui gli animali sono abitutati in natura (ad esempio essendo gli animali di provenienza africana viene ricreato l’ambiente dell’Africa, savana secca, umida e così via) inoltre non ci sono barierere o gabbia da creare quella distanza tra uomo e animale ma vi sembrerà di stare più a stretto con gli animali. All’interno del bioparco si trova un anfiteatro all’aria aperta dove vengono mostrare alcuni spettacoli e dimostrazioni scientifiche.
  • Albufera: è una laguna situata sulle costa della Spagna nell parte sud di Valencia. Fa parte del parco naturale di Albufera, una bellissima area protetta. Potete anche scegliere di fare un giro in barca e magari godervi un bel tramonto o semplicemente il panorma circostante ma anche fare escursioni e conoscere la fauna locale. Questo posto è una bellezza inaspettata che se si ha il tempo (magari per guadagnare tempo lasciatevi questo posto come ultima attrazione da visitare) SI DEVE visitare.
  • Jardí del Turia: è ungrande giardino urbano contenente campi sportivi, un giardino botanico e diversi parchi tra cui il più famoso è il Parc Gulliver. L’attrazione principale del parco è la scultura monumentale di Gulliver da cui si accede a scivoli, rampe. Il personaggio rappresenta se stesso quando giunge nel paese di Lilliput e viene legato dagli abitanti del posto (diciamo questo perchè stata realizzata in modo tale che i visitatori potessere camminarci sopra proprio come fecero gli lillipuziani camminando sul corpo al suo arrivo). Il giardino, inoltre, è attraversato dal ponte Pont de Assut de l’Or che possiede il pilone più alto della città.
  • Umbracle: l’Umbracle è un giardino pubblico ma più che tale sembra un ponte pedonale (in quanto ne ha proprio la forma) con accanto della ricca vegetazione. Al di sopra di questo “ponte” ci sono circa cinquanta archi che di sera offrono uno spettacolo che non ha rivali.
  • Jardines del Real: sono dei giardini pubblici di cui fanno parte fontane, strutture, statue e tanta ma tanta flora locale e non. Un luogo tutto da esplorare e goderselo! Accanto a questo giardina ne possiamo aggiungere un altro, il Jardín de Monforte. Anche questo altrettanto bello e pieno di dettagli architettonici, laghetti, piazze e  viali tanto caratteristici.
  • Le piazze più caratteristiche di Valencia sono: Plaza de la Reina e la Plaça de l’Ajuntament (forse quella più importante della città). Nella Plaza del Mercado, invece, si tiene il famoso Mercado Central. La struttura all’esterno è tanto bella quanto il suo interno. C’è tanto colore ma soprattutto tante bancarelle da ammirare. E’ sempre interessante fare un giro e perchè no, assaporare le prelibatezze che Valencia offre (che sono anche piuttosto economiche!).
  • Altro punto forte di Valencia sono le spiagge, tra queste troviamo: Playa de la Malvarros (possiede un bel lungomare costeggiato dalle palme), Playa de Las Arenas, El Saler, Las Arenas, La Patacona. Sulle spiagge di Valcencia potrete trovare tanti posti, come terrazze o locali all’aperto, dove poter uscire a bere qualcosa mentre durante il giorno ci sono tanti sport acquatici che potete decidere di praticare.
  • Un tour alternativo che si può fare a Valencia è quello della street art, ovvero dove si possono ammirare i famosi graffiti dell’artista Hyuro. Ci sono tanti dipinti (ci piace chiamarli così perchè sono davvero eccezionli) così conosciuti e uno più bello dell’altro. I luoghi dello street art iniziano dalla Calle Peydro e vanno in direzione della Plaza de la Merced, vicino alla Plaza del Ayuntamiento. Oltre a questo un altro tour valido è quello in bici, il Free Tour Valencia.

Umbracle

Una cosa è certa, a Valencia non si può evitare di partecipare alla vivace vita notturna… Vediamo dove però!

Ecco alcuni luoghi: Barrio del Carmen district, Calle Caballeros, Plaza Canovas, La Avenida de Aragon, Plaza del Cedro, la zona universitaria di Avenida Blasco Ibáñez e ovviamente d’estate vanno per la maggiore le discoteche sotto le stelle (come quelle lungo il Paseo Neptuno).

Ecco, invece, alcuni locali:

  • Electropura: pub/cocktail bar
  • Karma Lounge & Nightclub: locale notturno
  • Sala de fiestas en Valencia Sala Maxx: lounge bar
  • Nylon Club: disco
  • Mya Club: disco
  • La 3 Club: locale notturno
  • Radio city: locale
  • Café Negrito
  • Urbano Café

 

PIATTI TIPICI

All i pebre

Adesso non ci resta che fare un tuffo nel mar… no no, nei piatti tipici di Valencia.

  • Il piatto più famoso della cucina valenciana (e quello conosciuto un pò in tutto il mondo) è la paella. La pientanza in origine era composta da riso, zafferano, olio d’oliva e condita con carne (di pollo o coniglio) e verdure. In seguito, però, la ricetta ha subito alcune varianti, la carne viene sostituita dai frutti di mare. La variante più comune è la paella de Marisco ma c’è anche l’Arroz a banda che è un piatto tipico dell’Albufera (valli a sud di Valencia). Due curiosità su questa pietanza è che la paella prende il suo nome dal recipiente di metallo in cui viene cotta che in spagnolo si chiama “paellero” e poi che questo piatto è proprio nato a Valencia.
  • Arroz a Banda: un particolare risotto a base di pesce. Molto gustoso grazie alla freschezza dei pesci locali!
  • All i pebre: piatto locale a base di patate, aglio, anguille e paprica.
  • Fartón: è un dolce dalla forma allungata (tipo la forma dei savoiardi per intenderci) molto soffice e dolce infatti è ricoperto con della glassa ma è anche molto leggero (è fatto con olio di girasole anzichè burro). Il dolce è nato principalmente per essere pucciato nella horchata (una bevanda che vi presenteremo dopo) ma anche qualsiasi bevanda purchè sia calda.
  • Buñuelo: sono delle palline di impasto fritte e aromatizzate con dell’anice. Spesso sono riempite o con farcia salata o dolce oppure sono semplicemente guarnite in superficie.
  • Eccoci arrivati alla bevanda precedentemente menzionata, l’horchata. Questa è una bevanza preparata con acqua, zucchero e chufa (un tubercolo di una pianta locale). La potete trovare nei bar o nei chioschi dedicati alla vendita di questa bevanda (sono detti horchaterías e la più famosa e nota è “Daniel” situata ad Alboraya una cittadina vicino Valencia). Un’altra bevanda tipica è l‘Agua de Valencia, un cocktail a base di succo d’arancia, cava (spumante spagnolo), gin e vodka.

Fartón

 

DOVE MANGIARE (RISTORANTI/BAR..)

Quale miglior modo per apprezzare i tipici piatti di Valencia se non nei tipici locali della città. Diamo uno sguardo più da vicino su dove poterli gustare.

  • Flor de Valencia: cucina mediterranea, europea, spagnola.
  • Almalibre Açai Bar Valencia: bar con cucina salutistica, vegetariana, vegana, opzione menù senza glutine.
  • Llar Roman: cucina mediterranea, europea, spagnola, vegetariana, vegana, opzione menù senza glutine.
  • Restaurante Navarro: cucina mediterranea, europea, spagnola, vegetariana, vegana, opzione menù senza glutine.
  • Gordon 10: steakhouse, barbecue, grill, cucina argentina, opzione menù senza glutine.
  • Los Gómez Taberna: cucina mediterranea, europea, spagnola, vegetariana, opzioni vegane, opzione menù senza glutine.
  • Tanto Monta: per vegetariani con opzioni vegane.
  • El Forn del Carmen: cucina mediterranea, europea, spagnola, vegetariana.
  • Tasquita La Estrecha: bar con cucina mediterranea, europea, spagnola, vegetariana.
  • Ca la Mar: cucina mediterranea, europea, spagnola, vegetariana, opzioni vegane.
  • El Pederniz: cucina mediterranea, europea, spagnola, vegetariana, opzioni vegane, opzione menù senza glutine.
  • Gelateria La Romana – Valencia, Joaquín Costa

 

Oggi concludiamo il nostra viaggio a Valencia ma la Spagna ha ancora tante mete che aspettano di essere scoperte quindi continuate a viaggiare con noi che si parte per la prossima avventura!

Fateci sapere le vostre opinioni riguardo questo luogo. Se vi è piaciuto o meno, se ci siete stati o avete intenzione di andarci? Cosa vi è piaciuto di meno e cosa di più? Insomma, siamo curiosi di leggere le vostre opinioni.

Un bacio a tutti.

 

Qui di seguito vi elencheremo gli alloggi in cui potrete soggiornare nella città di Valencia.

http://www.booking.com/searchresults.html?iata=VLC&aid=960457&no_rooms=1&group_adults=1 – alloggi vicino all’aeroporto.

http://www.booking.com/searchresults.html?city=-406131&aid=960457&no_rooms=1&group_adults=1 – alloggi in città.

http://www.booking.com/searchresults.html?district=2534&aid=960457&no_rooms=1&group_adults=1 – alloggi nel quartiere Ciutat Vella.

http://www.booking.com/searchresults.html?landmark=54577&aid=960457&no_rooms=1&group_adults=1 – alloggi vicino al porto di Valencia.

http://www.booking.com/searchresults.html?landmark=257977&aid=960457&no_rooms=1&group_adults=1 – alloggi vicino la stazione Joaquin Sorolla.

 

Booking.com

55 thoughts on “Valencia

  1. Valencia looks amazing! The structure alone of Palau de les Arts Reina Sofía is very intriguing and unique. I would definitely love to check out the beaches too! Great list of things to do and food to eat. 🙂 There is indeed something for everyone here! 🙂

  2. Valencia looks beautiful. The architecture looks stunning and it looks like a foodie place as well. You list several places to dine, which place was your favorite?

  3. For us, one of the joys of travelling is trying new food & regional specialties. Paella originates in the Valencia region, so when we were there last October we decided to a Paella making experience. We spent a fun half day with a paella master learning the secrets of authentic Paella Valenciana.

    Now we’re hooked and look to do at least one cooking experience in each city we visit. Recently in Barcelona we did two. It’s so much fun, and you get to meet some really fab people.

    1. Hi guys, looks like you had a great time during your experience! Paella is one of our favorite foods in the planet!!!
      It’s the same for us, we love to taste new foods and trying the speciality of the place 🙂

  4. I have studied abroad in Valencia myself and absolutely loved it. L’Umbracle and L’Oceanografic were a few of my favorite places. Also, I miss fartones with horchata so much! Great post 😀

  5. I loved visiting Valencia this summer! Many things on this list I didn’t manage to do though. I really enjoyed hiring a bike and cycling around.

  6. What a wonderfully detailed post on Valencia. The opera house looks absolutely breathtaking! Are visitors allowed to enter without actually watching a performance? I’m not one for opera, but I’m totally into architecture.

  7. There is so much to see in Valencia when I look at your lists! I must admit that I am not a “city traveller”. I mean there are some I went to and I actually enjoyed but going to the cities is mainly not my travel goal. As you mentioned the region is known also for its agriculture. That would be more a thing for me to visit but your description looks impressing anyways. I would like to try out some of the restaurants you mentioned because I love paella! I have never heard of “farton” before! Looks delicious and would be worth a try! Thank you for taking me to the city even though it is usually not my thing. Where are you going next?

    1. Hi Jeanine, thanks for your comment! Maybe we have understood what kind of traveler you are (outdoor adventures) and this is amazing because everyone has its passions 🙂
      Now we are headed to Zaragoza. Stay tuned!!

  8. I would love to travel to Spain and explore all the different regions. So far, I have only been at Canary Islands. Valencia has so much to offer as for history, food and entertainment. Palau de les Arts Reina Sofía looks amazing!!! I also love all the old decorative buildings they have in Spain.

    1. We are discovering amazing things about this country that we didn’t know. There are so many things to learn that the time isn’t enough hahaha
      You can consider Valencia like your next destination 😉

  9. Valencia looks like a great Spanish city to visit. We’ve been to a few places in Spain but somehow we never made it to Valencia. The Palau de les Arts Reina Sofía looks very stylish and from the sounds of it there is not a shortage of places to visit and entertainment to enjoy in Valencia. Maybe next time we’ll stop there.

      1. My boyfriend and I are heading round the world next year, so I’ve told him that this has to be one of the stops! Thanks for a great suggestion 🙂

  10. I go to Spain quite often but I didn’t make it to Valencia yet. It looks like such a great city with modern architecture blending really nice with the historical one. The food sounds great as well, I would like to try the original paella.

  11. I’m embarrassed to say I’ve never heard but Valencia but wow does it look beautiful! The street art tour definitely sound like something up my alley. Will have to for sure bookmark this and add these awesome suggestions to my bucket list!

    1. Hi Jas, the world is so big and there are lots of places that it’s impossible to know city by city. We are happy that now you have learned something about Valencia thanks to our guide 🙂

  12. I wish we got to visit Valencia during our Spain trip! I would’ve loved to visit the different architectural sites and there are so many places to check out!

  13. Such a beautiful city. Seeing these pictures make me really want to go there. I think I would have to learn a little of Spanish before I go.

  14. My brother in law and sister in law have visited Valencia a couple of times. So I know their stories about it. All positive :). I definitely want to visit one time as well. I know they visited the botanical garden. It’s wonderful! I like how Ciudad de las Artes y las Ciencias exists of 5 different structures. Definitely, want to visit! I’ve never heard of Fartón, but it looks delicious!

    1. Hi Carola, you have heard lots about Valencia therefore now it’s time to discover it with your eyes and feet hahah
      You could consider to plan a trip with your relatives with our guide in the hand 😉

  15. I must admit I always and gladly visit these places rich in sightseeing and attractions. However, I did not still reach as far as Valencia, when it comes to Spain. I have only been to Lloret de Mar and Barcelona. And reading this blog post made me realize that the whole Spain is one true gem and that visiting its cities is a must in a life of travel enthusiast. I really don’t know what would be my first attraction to visit in Valencia for they are all magnificent and I am interested in seeing them all. Moreover, I love the fact that their cuisine is extremely delicious. I would leave the city until I try everything they have to offer!

    1. There are lots of amazing cities here in Spain and most of them aren’t so famous in the world. With a little information and curiosity is possible to learn new things!
      We are glad that now you are considering a trip here in Valecia 🙂

  16. Valencia seems so spectacular and an amazing travel destination! Your post is an awesome guide and I am definitely saving to reread it again! How many days would be enough to see all these things in Valencia?

  17. Valencia is high on my bucket list for places to visit in Spain. The food looks so amazing. Thanks for sharing these photos and your tips for place to visit.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *